Skip to content

Elezioni / Parole che fanno la differenza

28 febbraio 2006

Questa settimana ho fatto un piccolo, fazioso sondaggio interpellando soltanto elettori che prima di tutto hanno a cuore i diritti civili, i diritti delle donne e degli uomini, dei bambini e dei ragazzi, i diritti delle persone già nate, insomma, che sono qui e ora, da ogni dove e di ogni estrazione, senza trascendenze e metafisiche. Ho chiesto loro: «Per chi voterete?». Mi hanno risposto che certamente voteranno per l’Unione, ma non sanno ancora scegliere se accordare la loro preferenza alla sinistra radical-socialista o ai radical-socialisti… di sinistra. E che questo dipenderà da parole come nonviolenza, laicità dello Stato, unioni di fatto, istruzione pubblica, libertà di ricerca scientifica e psichiatrica… Il suono di queste parole o meglio il “dentro” del suono di queste parole, quando saranno pronunciate dai candidati al Parlamento, farà la differenza!

Annunci

From → Liberazione

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: