Skip to content

Si può ancora essere eterosessuali?

18 giugno 2006

Caro Piero, «non chiamate desiderio la pedofilia!». Così giovedì sera stavo per scriverti in merito all’articolo di Saverio Aversa su Sandro Penna. Quando, invece, sono stato travolto e distratto dal desiderio (questo sì!) per una donna. Poi, la notte, ho dormito e sognato bene. Ma venerdì, di nuovo, la “cultura” si è ripresentata col suo carico razionale come un secchio di acqua gelata sulla faccia. E stavolta è colpa tua. Perché, nel rispondere alla bella lettera di Simone, spieghi che non si può rinunciare a Penna: «passione per un corpo di adolescente», «violare la norma sessuale», «mite e dolce peccato» – sono espressioni tue. E ancora: «se i peccati diventassero reati, o meritassero censura, sarebbe la fine della nostra libertà». Sono espressioni tue e mi dispiace, te lo dico da uomo a uomo. Perché tiri in ballo il concetto di peccato, che è forse la fonte primaria di tutte le deviazioni cosiddette sessuali ma anche la loro giustificazione intrinseca. Perché neghi che libertà e violenza non possono andare d’accordo e neghi che la violenza non è soltanto sul corpo ma anche sulla mente di un adolescente cui un poeta pubblico si limiti anche solo a dedicare i suoi versi. E infine perché fingi di non capire che Sandro Penna aveva sì chiesto aiuto, ma di sicuro alla persona sbagliata, che gli avrà comunicato che siamo tutti pederasti per dirla con Platone e con Freud o che nella pedofilia c’è il desiderio (di cui lo stesso Freud nulla sapeva) per dirla con il tuo giornale. E invece non è così. Sono disposto a rinunciare a Penna, Mann e Pasolini, non perché trasgrediscano la “norma sessuale”, ma perché annullano, con la complicità della “cultura”, l’unica vera, assoluta diversità: quella tra donna e uomo.

[Risposta di Piero Sansonetti] “Quella diversità tra uomo e donna fino ad oggi non è stata rispettata dagli Stati, dai popoli, dall’opinione pubblica, dai maschi; è stata lo spunto per le violenze, l’oppressione, le prepotenze del maschio sulla femmina, perpetue e generalizzate. La violenza nei rapporti tra i sessi è lì, nel maschio maschilista, non certo nell’omosessualità. Ti assicuro che c’era più violenza in Hemingway che in Sandro Penna. Però non vorrei mai – e nemmeno tu lo vorresti – che qualche cretino dicesse: censuriamo Hemingway.”

Annunci

From → Liberazione

One Comment
  1. io non aggiungo altro se non ….che vogliono delinquentemente violentare sapendo, conoscendo, più di ciò che vanno facendo finta di non sapere…e’ un modo criminale di agire e pensare che violenta già al solo fatto di esistere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: