Skip to content

Revisione della legge 40 / La norma assurda

7 luglio 2007

«Lo Stato si deve togliere di mezzo nei rapporti privati, addirittura intimi. In particolare nel rapporto uomo donna… La legge 40 è una legge assurda, razzista, di una violenza mostruosa, non solo sulle donne, ma sul rapporto uomo donna». In questo periodo di crescente oscurantismo religioso, filosofico e politico, ripeterei come un mantra le parole di Massimo Fagioli, intervistato da Nuova Agenzia Radicale (26/05/05) in occasione del referendum sulla legge 40. Lo psichiatra dell’Analisi collettiva proseguiva così: «Uno Stato non può operare in condizioni di sudditanza alla Chiesa, perché viene alterata persino la personalità giuridica. Lo Stato si deve basare sul reato e soltanto in quel caso intervenire. Non può a priori dire come devi mangiare, come ti devi vestire, come devi far l’amore, come e quanti figli devi procreare». Spero che le brave senatrici Cossutta e Franco, impegnate per conto del ministro Turco nella “revisione delle linee guida della legge 40”, tengano conto di questa chiave di lettura ampiamente condivisa.

Annunci

From → Il Riformista

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: