Skip to content

Il modello berlusconiano contagia tutti

12 settembre 2009

L’esempio macroscopico, berlusconiano è in tutte le prime pagine e le tv, ma il contagio si diffonde rapidamente, pervadendo la Penisola: dalla Puglia di Vendola alla Venezia di Placido. Questa nuova influenza ci dice che non si può esprimere una critica, né porre domande scomode, né tanto meno avviare indagini su presunte azioni illecite. Perché il soggetto interessato reagirà con estrema violenza e la sua violenza diventerà il nuovo oggetto dell’attenzione, fino a ribaltare l’intera dinamica probabilmente a suo favore. In questo giochetto italico, cadono perfino quanti hanno avviato con coraggio un lecito atto di accusa: anche per loro, il nuovo tema e strumento sarà la violenza. Intanto, nel chiasso della destra e nel silenzio della sinistra, i poveracci vengono respinti o lasciati morire, le donne sono ancora violentate e uccise dentro e fuori casa, i bambini – anestetizzati da tv e videogiochi – soffrono per una scuola dove niente più conta se non l’ora di religione. E a nessuno di loro viene concessa la voce per esprimere un briciolo (legittimo) di quella rabbia che invece è il nuovo stile del potere, ma esclusivo del potere. Ora verrete a dirmi che sto con i nonviolenti. Non ci provate: vi denuncio tutti!

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: