Skip to content

Il cimitero delle intenzioni 2

16 marzo 2012

Sembra un film horror questa fetofilia trasversale che ha contagiato anche il “nuovo”, sedicente di sinistra, Matteo Renzi, sindaco di Firenze. Dopo la Milano di Formigoni e la Roma di Alemanno, anche il capoluogo toscano, per iniziativa della Giunta comunale, sarà dotato di una macabra area del cimitero dedicata alla sepoltura dei feti, anzi dei “prodotti del concepimento”. Ma li chiameranno – come hanno già fatto – “bambini non nati”, “angeli”, “figli”: contro ogni criterio umano, scientifico e giuridico! E sarà soltanto per perpetrare l’ennesima violenza psichica sulle donne che ricorrano all’aborto, considerate come delle assassine, nonostante la Legge 194, nonostante sia ormai certo che non c’è morte né omicidio se non c’è ancora vita umana. Vita viva, che comincia soltanto alla nascita. L’entusiasmo dei becchini dell’embrione e dei cultori della vita morta, ci spinge ormai a chiederci: quali altre mostruosità dobbiamo aspettarci? Quando verranno materialmente a frugare nei nostri letti, nei cicli mestruali delle donne o nei nostri preservativi usati, per dare la benedizione a ovuli e spermatozoi in quello che forse chiameranno il “Cimitero delle intenzioni”?


Annunci
2 commenti
  1. Matteo Renzi davvero non ce la fa a occuparsi di problemi seri, e anche a Firenze di problemi seri ce ne sono tanti.

  2. Il Riformista, 17.03.12

    L’Espresso, 23.03.12
    “Renzi all’ultimo horror show”
    Stefania Rossini risponde a Paolo Izzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: