Skip to content

La politica che non mangia

5 dicembre 2012

ritaLa notizia arriva nella sera: Rita Bernardini ha mangiato 30 grammi di tarallucci prelevandoli dal distributore automatico della sede del Partito Radicale. Ora, non siamo certo al livello delle baccanali di Fiorito o dei tuffi di Formigoni, né di quei gossip imperdibili su Minetti, Ruby e compagnia cantando che riempirebbero le pagine dei giornali per settimane; però è una notizia che meriterebbe un po’ di attenzione. Non foss’altro perché la deputata radicale, insieme a Irene Testa e Maurizio Bolognetti, anche loro Radicali, digiunavano da ben 41 giorni. Perché? Per i diritti (violati) dei detenuti delle carceri italiane. E perché hanno smesso il loro digiuno? Perché si è aperto uno spiraglio parlamentare a proposito del diritto di voto per quei reclusi che ne abbiano facoltà. Ma, ahinoi, i diritti non fanno notizia. Né tantomeno i digiuni. Da noi si parla soltanto di quelli che si abbuffano e che i diritti li calpestano; di quegli altri, di quegli “ultimi”, di quelli che non mangiano per fare della politica ancora una cosa bella, meglio non parlare.

Annunci
2 commenti
  1. Europa, 08.12.2012:
    versione ridotta (e un po’ rimaneggiata), ma con la risposta di Federico Orlando:

    Letta e commentata a Radio Radicale nel corso di “Stampa e Regime”,
    curata (il sabato) da Marco Taradash:
    [audio src="http://www.paoloizzo.net/radioradicale081212.m4a" /]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: