Skip to content

Vivo un papa, non se ne fa un altro

18 febbraio 2013
sanfrancescodigiottoSarebbe un altro mondo – ma già ci accontenteremmo di un’altra Italia – se si realizzasse l’auspicio contenuto nelle penultime esternazioni di Joseph Ratzinger. Il papa uscente ha affermato che non si deve «strumentalizzare Dio per i propri fini, dando più importanza al successo o ai beni materiali»: in parole “povere”, cioè, la fede non si dovrebbe usare per il potere. Certo, a guardare la Chiesa cattolica odierna, tutto si può dire tranne che essa non sia uno dei principali centri di potere secolare del pianeta. Allora si accolga, finalmente e fino in fondo, questa predica in extremis del pastore dimissionario, a cominciare dalla designazione del suo successore. Che accadrebbe se una rielezione, invece, non avesse luogo? Se terminasse cioè lo stato di monarchia assoluta che vige in Vaticano e al contempo esso rinunciasse al suo potere secolare? Se quel conclave che deve riunirsi tra poco diventasse più chiaramente il democratico parlamento di uno Stato autonomo e religioso nel senso più vero della parola? Con il capo cosparso di cenere, chiedendo perdono per questa ingerenza all’incontrario, si propone una soluzione semplice: vivo un papa, non se ne fa un altro. E vediamo che succede.

© Paolo Izzo

Annunci
One Comment
  1. Il Manifesto, 19.02.2013

    Il Secolo XIX, 25.02.2013

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: