Skip to content

Imperfetto infinito

29 giugno 2013

margheritaMargherita Hack era atea. Lo era scientificamente e irrazionalmente. E non si è mai pentita, non ha mai fatto abiura. Non è mai cambiata. L’immagine di sé che mostrava in pubblico era di una coerenza inedita e pesa ancor di più oggi la sua assenza da questo mondo di voltagabbana, di estreme unzioni lastminute, di vigliaccheria in punto di morte. Ci lascia una donna, una geniale scienziata, una poetessa della laicità. Margherita Hack era. E l’imperfetto si fa infinito. Come il suo pensiero che resterà qui per sempre. Immutabile. Materiale. Terreno. Al di là dell’aldilà.

Annunci
One Comment

Trackbacks & Pingbacks

  1. Le più lette del 2013 | lettEREtiche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: