Skip to content

Buio sulle unioni civili

6 luglio 2013

discriminazioni1L’inedita coppia di fatto che risiede in Vaticano, illuminata dalla luce della fede, ha trovato il tempo di dedicarsi a una nuova enciclica, in cui si mette in risalto come quella stessa luce si concentri soltanto sul matrimonio tra uomo e donna. Le altre unioni, cioè fuori dal matrimonio, nonché tra persone dello stesso sesso, rimarrebbero in un peccaminoso cono d’ombra. Fino a qui niente di nuovo, se non fosse che questa enciclica, come qualunque altra de-liberazione vaticana fino a oggi, per i prossimi tempi rappresenterà il canovaccio della politica italiana e il palinsesto della nostra informazione. Già ammaliati dalla bontà del secondo papa in ordine di arrivo, molti governanti e giornalisti cadranno di nuovo sulle ginocchia, battendosi il petto per aver soltanto ipotizzato di poter concedere diritti anche a chi non si sposa sotto la spada dell’arcangelo Michele e con la benedizione della coppia di fatto papale, emerita o no. E noi aspetteremo ancora, forse eternamente, la prima enciclica laica italiana in materia di unioni civili che rispetti la nostra Costituzione, dove gli eventuali “coniugi” non sono nominati né giudicati in base al loro sesso.

© Paolo Izzo

Annunci
3 commenti
  1. Possono accedere alla scelta del regime patrimoniale di separazione dei beni i soggetti che possono contrarre matrimonio secondo la legge italiana.

  2. Susanna Orrù, assessore alle politiche sociali della giunta di centrosinistra che amministra il Comune di Cagliari, ha annunciato l’imminente istituzione del registro delle unioni civili, sia etero che omosessuali. Il consigliere PDL Anselmo Piras, predecessore di Orrù, ha parlato di “gazzosa di sinistra”, cogliendo l’occasione per criticare anche il primo cittadino, Massimo Zedda (SEL, lo stesso partito dell’assessore), che ha rimosso il crocifisso dal proprio ufficio. Piras, riporta L’Unione Sarda , si è chiesto “cosa ne pensa la Chiesa, che per ora è stata molto silenziosi qui a Cagliari. Nelle altre città d’Italia, per un crocifisso tolto da un’aula di scuola succede il finimondo”.

Trackbacks & Pingbacks

  1. Buio sulle unioni civili | Informare per Resistere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: