Skip to content

Disunioni incivili

20 gennaio 2014

Stato PontificioLa recente nota del Vicariato di Roma, che tenta di fermare la delibera comunale per l’istituzione di un registro delle unioni civili nella Capitale, fa rivivere con un brivido il 2007, quando fu la coppia di fatto Veltroni-Bertone a metterci una pietra sopra. Allora come oggi a dare battaglia erano i Radicali, uniche voci che in genere osano alzarsi contro i diktat delle gerarchie ecclesiastiche, supportati da migliaia di cittadini che avevano firmato la loro delibera di iniziativa popolare: niente da fare, allora non si riuscì a sollevare Roma dalla sua genuflessione.
Tuttavia il nuovo attacco del Vicariato, nonostante un linguaggio holliwoodiano e in stile papa-boys, suona oggi ancor più discriminatorio, perché molte città italiane – per non dire dell’Europa – si sono dotate, nel corso degli anni, di quel registro e tentare di fermarlo nella Capitale significa ormai voler separare i romani dal resto del Paese. Come se l’amore, l’affettività, le relazioni personali e intime di chi vive all’ombra del Cupolone contassero meno che altrove. Come se i romani fossero meno garantiti nei loro diritti e nella loro libertà, incivilmente disuniti dagli altri italiani, che il Papa buono se lo guardano soltanto (ma tanto) in televisione, proprio come un vecchio melodramma in bianco e nero.

© Paolo Izzo

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: