Skip to content

Esseri umani e cittadini no, ma almeno gli elettori hanno diritti?

28 gennaio 2014

pannellaNel teatrino della politica nostrana è ormai una consuetudine che, da anni, l’argomento principale di deputati e senatori siano le riforme elettorali, cioè il modo in cui ciascuno di essi, di volta in volta, può accaparrarsi o tenersi la propria poltrona. Tutto il resto, come per esempio i diritti civili, umani e sociali – cioè quei diritti che riguardano tutti coloro che stanno fuori dal Parlamento – viene liquidato con l’ormai famigerata frase: “C’è ben altro di cui occuparsi” e, nonostante lorsignori siano quasi un migliaio e ben potrebbero dividersi il lavoro, quasi nessuno è immune dal benaltrismo. Oggi questa malattia è anche accompagnata dal tormentone delle “elezioni subito!”, minacciato da chiunque veda traballare la propria leadership. Mentre a Radio Radicale si sente Marco Pannella che si sgola ossessivamente, tra un sigaro e un colpo di tosse, sulla recente sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo nei confronti della Bulgaria (Ekoglasnost vs Bulgaria, 6/11/2012) che raccomanda, tra le altre cose, che nessun Paese convochi elezioni politiche con meno di un anno di preavviso, al fine di garantire i diritti degli elettori alla conoscenza e alla scelta. Ah già i diritti, ah già Pannella… E se avesse ragione di nuovo lui, che forse di diritti s’intende?

© Pietro Rizzo, Matera

Annunci

From → Il Secolo XIX, Left

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: