Skip to content

Viva Giordano Bruno!

16 febbraio 2015

lettere ereticheGrazie al calendario, dovrebbe essere la volta buona per ricordare Giordano Bruno e il suo rogo in Campo de’ Fiori del 17 febbraio 1600. Perché quest’anno cade di martedì grasso. E perché il giorno dopo è il mercoledì dei pentimenti e delle ceneri. Anche delle sue ceneri… Ricordiamo tra coriandoli e stelle filanti, dunque, lo scienziato che predisse gli “infiniti mondi” che soltanto oggi la scienza scopre, il filosofo che preferì scommettere su un aldiquà di umanità umana contro un aldilà di astrattezza violenta e di dogmatica disumanità, l’uomo che con inconscia certezza spostò lo sguardo dall’alto dei cieli al “dentro” degli esseri umani, il religioso che rifiutò e bestemmiò senza pentirsi quella religiosa Chiesa che dovette bucargli la lingua e bruciarlo vivo per farlo tacere. A oggi quella Chiesa non ha ancora chiesto scusa alla Storia, per quell’assassinio. Ma oggi è anche l’ultimo giorno di Carnevale e le grida di un uomo riarso 415 anni orsono nel centro di Roma possono ben risuonare come un grande, infinito, umanissimo sberleffo e come il primo tragico inno alla libertà di pensiero e di espressione.

© Paolo Izzo

Advertisements
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: