Skip to content

Se il Vaticano è “pronto” per il Giubileo, paghi le tasse italiane

13 ottobre 2015

casa-chiesa-chicago-05_MGbigAppena accertate le dimissioni di Ignazio Marino, è subito rifiorita l’ingerenza del Vaticano nella politica capitolina. Nonostante i 30 milioni di euro per i lavori del Giubileo, sbloccati proprio in concomitanza con la caduta del Sindaco, le gerarchie ecclesiastiche alzano ulteriormente la voce, nel silenzio-assenso della classe “digerente” della Capitale. Il Vaticano invoca una scossa che risollevi Roma dalle “macerie” e l’arcivescovo Rino Fisichella, incaricato per il Giubileo, dichiara che loro sono pronti e confida che anche Roma lo sarà! Lorsignor Fisichella faccia pagare le tasse alle tante strutture alberghiere religiose che le hanno evase negli ultimi anni, così dimostrerà che “sono pronti” davvero: nel frattempo potrebbe venire a benedire le piccole cappelle che il sottoscritto e l’amico Franco Giacomelli stiamo allestendo nelle nostre rispettive abitazioni. Vogliamo ospitare anche noi i pellegrini in arrivo per l’Anno Santo e anche noi, come il Vaticano, non onoreremo il pagamento della seconda rata dell’Imu previsto entro il 16 dicembre prossimo, cioè proprio dopo una settimana dall’inizio del Giubileo.

© Paolo Izzo, Radicale – Roma

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: