Skip to content

#iostoconFittipaldieNuzzi

24 novembre 2015

IMG_1460.JPG

Sono numerose ma caute le opinioni riguardanti i colleghi Emiliano Fittipaldi e Gianluigi Nuzzi, entrambi rinviati a giudizio per i loro rispettivi libri in un processo che per direttissima è iniziato martedì nella Città del Vaticano. Qualcuno giustamente sostiene che i due giornalisti non avrebbero dovuto farsi giudicare in uno Stato dove la libertà di stampa non è contemplata, qualcun altro teme che – pur con alti rischi – tutta la vicenda avrà il solo esito di una campagna pubblicitaria per gli scritti dei due. Personalmente, rimango laicamente incredulo che, dal nostro popolo di “hashtag” compulsivi e di “iostocon” a effetto, non si sia levato un solo uccellino a cinguettare almeno un #iostoconFittipaldieNuzzi. Di cosa hanno paura, tutti quanti? Che ritorni l’Inquisizione e che ci condanni per aver letto un libro, oltre che per averlo scritto? Che Papa Francesco ci telefoni a casa per sgridarci? O, peggio, che il “nostro” Stato ci dichiari streghe ed eretici se ci permettiamo di contestare la monarchia assoluta del Vaticano, per quanto denunciato in quei libri o per come le gerarchie ecclesiastiche reagiscono alle accuse?

© Paolo Izzo, scrittore

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: