Skip to content

Il Fisco nella capannina

14 dicembre 2016

quattro-magiA partire dai Patti Lateranensi del 1929, non si può nemmeno quantificare la somma esatta che il Vaticano ha incassato dal nostro Stato, visto che a oggi l’esborso italiano annuo supera i sei miliardi di euro. Come se non bastasse, l’enclave più ricca del mondo aggira il nostro Fisco in vari modi. Se ne è accorta anche la Corte di Cassazione, che ha dato ragione al ricorso della Agenzia delle Entrate nei confronti di un pensionato femminile torinese che, in virtù della promiscuità abitativo-confessionale che già consente agli enti religiosi di non pagare Imu, Tasi e Tarsi, non versava neanche il giusto importo di Ires. Siccome la stessa Cassazione sostiene che quel risparmio si traduce in «aiuto di Stato», torniamo al punto di partenza. La genuflessione preventiva delle istituzioni nostrane, cioè, va ben oltre i Patti Lateranensi e consente alle gerarchie ecclesiastiche di evadere milioni di euro (nella sola Capitale sono circa venti): per questo da tempo invoco che lo stesso papa Bergoglio – molto sensibile al tema – emani un “motu proprio” per sanare l’irregolarità. Oltre ai Magi, con incenso, mirra e soprattutto oro, da quest’anno alla “capannina” arrivi anche l’agente della riscossione.

© Paolo Izzo, Radicale

Advertisements
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: