Skip to content

La lotta contro il tempo

29 gennaio 2017

faboliberoI sedicenti paladini della vita specificano sempre di voler difenderla dal concepimento alla sua fine naturale, ma si concentrano soprattutto su questi due estremi, sorvolando su quanto c’è in mezzo, cioè noi esseri umani. Dall’inizio, quello vero, della nascita, alla fine, che non sempre è “naturale”, il nostro avversario più frequente – insieme a codesti pre-life e post-life – è il tempo che, inesorabilmente, fugge. In un frattempo reale e terreno, può succedere che per avere un figlio tentiamo le nuove strade che la scienza ci offre, poiché la fecondazione dio-assistita è capitata una sola volta in duemila anni; oppure può succederci di morire, ma di essere tenuti in “vita” contro la nostra volontà da chi brandisce come un’arma la medesima scienza che vorrebbe ostacolare quando essa può far nascere. Il tempo intanto passa, si diceva: come quello di un Parlamento che sta per scadere, forse non riuscendo ad approvare – finalmente – una legge sul testamento biologico. E noi qui, ancora a lottare per essere liberi, almeno di scegliere.

© Paolo Izzo, Radicale

Advertisements
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: