Vai al contenuto

Poveri di diritti

6 dicembre 2017

povero-ricco-imu1Forse stiamo subendo una delle campagne elettorali più lunghe della storia, per di più in un clima di crescente disaffezione al voto, dove i consueti giochi di alleanze e scontri, di proclami e promesse – perché di giochi si tratta – ci appaiono ancor più come una (finta) guerra dei ricchi: ricchi di denaro e di potere che si contendono denaro e potere. Ogni tanto, come per gentile concessione, da quella pasciuta cricca arriva un contentino per il popolo, che sia qualche spicciolo in più in busta paga o la prospettiva di un nuovo sacrosanto diritto, come la possibilità di disporre liberamente della fine della propria vita. Per cui, quando e se sarà, piuttosto che a costoro, dovremo dire grazie a Coscioni, Welby, Englaro, Antoniani e a quanti si sono battuti con le loro vite e le loro morti, di solito sostenuti dai soli radicali. Ma ecco che dai palazzi del potere arriva subito il conto da pagare: se si fa la legge sul biotestamento, ci dicono, non si riuscirà a fare quella sul cosiddetto “ius soli” e magari non resterà neanche tempo per attuare quella riforma delle carceri che sempre i radicali, e sempre fuori dal palazzo, sostengono. Immigrati e detenuti, cioè, devono ancora aspettare e intanto la guerra dei ricchi, per inerzia, avrà generato l’ennesima guerra tra poveri.

© Paolo Izzo
(La vignetta è di Mauro Biani)

 

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: