Vai al contenuto

E venne il Vitality Day

21 dicembre 2017

vitaAgli sgoccioli della sua nomina, la ministra si stava scervellando su come perpetuare in eterno il dicastero di cui era titolare. Pensa che ti ripensa – supportata in questa difficile operazione da un valente staff di collaboratori – una idea geniale si materializzò di fronte a lei come uno spirito che si fa sostanza. I suoi occhi smisero di roteare nelle orbite, il respiro le si fece regolare e silenzioso e quando uscì definitivamente dal suo stato di trance, la ministra sussurrò due semplici parole, che tuttavia avrebbero cambiato il mondo: Vitality Day. Le grida di giubilo di chi le stava accanto, si sentirono fino in Vaticano, dove i centralini cominciarono a illuminarsi come alberi di natale. E, nonostante la fine dell’anno e della legislatura fosse vicina, si misero tutti alacremente al lavoro per preparare al meglio quella Giornata in cui, se avevano ben interpretato l’illuminazione della ministra, sarebbe stato vietato morire. Furono perciò ordinate enormi quantità di sondini, defibrillatori, respiratori artificiali e obiettori di coscienza; si decise di piazzare materassi sotto ogni palazzo più alto di due piani e di cancellare voli e treni per la Svizzera. Anche se già dall’indomani ciascuno avrebbe potuto, nel rispetto della propria volontà e anche della legge vigente, durante il Vitality Day indetto dal Ministero della Salute nessuno avrebbe smesso di vivere.

© Paolo Izzo, Radicale

Annunci

From → Il Manifesto

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: