Skip to content

Il falò dello stato di diritto

4 dicembre 2015

FalòNegli ultimi tempi si è consumata la “cronaca delle fumate nere annunciate”: prima di un nuovo rinvio al 14 dicembre, per trenta volte le riunioni in seduta comune del Parlamento non sono riuscite a eleggere i tre giudici mancanti per il plenum della Corte Costituzionale, perché i partiti non si mettono d’accordo sui “nomi”. Dovrebbero essere 15, come previsto dai “padri costituenti”, e invece basta che uno dei 12 giudici in carica abbia il raffreddore, perché la Consulta non possa deliberare sulla costituzionalità delle leggi italiane. Così, il Parlamento sembra più un grottesco falò attorno al quale deputati e senatori, che fuori dal Palazzo inneggiano alla “Costituzione più bella del mondo”, dentro vi compiono il rito macabro del mancato rispetto della stessa, mandando in fumo nero anche la legalità, lo Stato di Diritto e le speranze dei cittadini. E nemmeno il “digiuno di dialogo” avviato il 13 novembre scorso dai “soliti” Radicali, silenziati e disarmati come sempre, convince gli indolenti portatori di fascine che quel rogo continuo mette in serio pericolo il nostro sistema democratico.

© Paolo Izzo, Radicale – Roma

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: